Continuità e Orientamento a.s.2015/2016

Programmazione, orientamento, continuità sono aspetti diversi di uno stesso problema, che lo si affronti da una prospettiva pedagogica o che lo si traduca in termini didattici.

Secondo i fini pedagogici ribaditi anche nelle norme relative al nuovo ordinamento  tutto l’itinerario scolastico mira ad una formazione integrale della persona, colloca nel mondo ed assolve ad una funzione orientativa. La formazione della personalità comincia già dai primi anni della scuola dell’infanzia per poi continuare nei gradi successivi.

Il presupposto per stabilire una continuità è intendere le acquisizioni culturali come esperienze che attivano i poteri dell’allievo, per cui non si parla più di materie, o discipline, ma di “educazione” linguistica, storica, matematica, tecnica, ambientale, alla salute, all’immagine, al suono, e di tutte le forme di sviluppo delle competenze dell’allievo: comunicative, espressive, logiche, di impiego critico dei vari linguaggi verbali e non verbali.

Qualsiasi progetto di continuità con la scuola primaria o con la scuola secondaria  dovrà tenere  presente il principio della gradualità dello sviluppo della personalità e cercare di accompagnare gli alunni nella loro evoluzione.

Da vari anni la scuola attiva sistematicamente Progetti di Continuità con la Scuola  Secondaria di secondo grado del territorio e della scuola primaria.

Cliccare “Progetto Continuità e Orientamento” per visionare nello specifico  il progetto proposto dalla nostra scuola.